Una partenza dolorosa

 

A volte la montagna, dopo aver offerto per anni le sue bellezze e i panorami mozzafiato si prende in modo del tutto inaspettato personaggi dal grande carisma che l’hanno sempre amata. In questo piccolo passaggio vogliamo ricordarti, Ettore, tu che ci hai insegnato a conoscere a rispettare le tue care montagne.

Ne vogliamo parlare qui, perché sei stato proprio tu ad insegnarci le basi dell’allenamento agonistico e non eri solo il nostro allenatore, ma anche il nostro modello. Senza dubbi possiamo dire che é grazie anche a te se oggi siamo quello che siamo.

Ci hai sempre tenuto a affiancare le lezioni di sport a quelle di vita. Spesso ponevi l’accento sull’uguaglianza e sul rispetto delle persone e delle cose. Come non ricordarsi i lunghi momenti prima di ogni pasto ad attendere anche l’ultimo ritardatario, prima di entrare tutti insieme nella sala adibita al pranzo/cena.

Ci hai insegnato anche la tenacia nel tentare in tutti i modi di raggiungere i nostri obiettivi, l’importanza di vedere le cose in modo distaccato per poter prendere le scelte migliori e il fatto di saper soffrire quando si presentano situazioni scomode.

Sono molti i ricordi che ora passano nella testa, e che per fortuna resteranno sempre con noi. Spesso e volentieri durante gli allenamenti in comune ci raccontiamo aneddoti passati: come quella volta che, ancora in tenera età, sorpresi a giocare a carte durante il momento di riposo in un campo d’allenamento, ci hai fatto uscire di corsa partendo da Sedrun, su su fino al passo dell’Oberalp e ritorno.

Non c’erano peró solo fatica e cicchetti (parola che abbiamo imparato da te) : come ci si puó dimenticare del divertimento alle Cinque Terre, dove tra un allenamento e l’altro si prendeva il furgone per andare a fare il bagno al mare o si improvvisava una rete per giocare a pallavolo proprio nel mezzo del convento?

Pensiamo che saresti fiero nel vedere che, anche se ognuno per la sua strada, non abbiamo abbandonato i tuoi insegnamenti, e anzi ogni giorno ci accorgiamo di quanto le lezioni avute negli anni passati siano ora indispensabili per perseguire una vita corretta, determinata e di successo, proprio come avresti voluto tu.

Eri un uomo speciale, un modello da seguire e una persona piena di passione per quello che facevi, qualsiasi cosa fosse.

Grazie thunder per tutto quello che hai fatto per noi, sarai sempre nei nostri cuori!

I tuoi boys

Commenti

Complimenti avete capito quali sono i principi dello sport. Bravi ragazzi .... Tenacia forever

Grazie raga ...
Matilda e Donna , Kathia

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.